La diffidenza degli imprenditori delle PMI

Alcune regole fanno parte del passato e, almeno in questo ambito, non sono state stravolte.

Le ripetiamo anche se correremo il rischio di essere considerati noiosi, per opporci al degrado del comportamento che

.

sta caratterizzando non solo l’ambito degli scambi commerciali.
A. Deontologia Professionisti: se sei un professionista onesto, appassionato del tuo lavoro, conosciuto da molte aziende, capace di dimostrare le tue competenze e referenze, parti con il piede giusto.
B. Referenze: se al punto A. aggiungi una serie di giudizi positivi, e spontanei, di clienti contenti della tuo servizio, il tuo livello di credibilità accrescerà sensibilmente.


C. Digital Branding: se possiedi questi attributi/asset e li rendi disponibili a tutti, anche in un’area dedicata di Internet, allora potrai innescare una reazione a catena virtuosa e sinergica che ti aiuteranno nel rapporto di persona.
D. Efficacia Personale: il piccolo Imprenditore è, esso stesso, coinvolto in quasi tutti i processi aziendali, e questa condizione lo obbliga a valutare qualsiasi proposta in pochi minuti.
E. Empatia:  in questo mercato, più che mai, vale la prima impressione.
Per questa ragione, la preparazione e la personalizzazione del proprio approccio al target, di è focale.
F. Disporre delle informazioni giuste: conoscere il mercato del nostro potenziale cliente, i concorrenti, etc. è ovvio.
Dobbiamo fruttare, oltre le conoscenze del nostro network personale, anche tutte le potenzialità  che ci mette a disposizione Internet.
Questo strumento è un’arma a doppio taglio, da una parte, ci fornisce una valutazione completa e neutrale sui contenuti oggetto della richiesta, dall’altra, per chi non sa utilizzarlo rischia di generare confusione e perdite di tempo.

Sei sicuro di saper fare ricerche efficaci in internet?.

Le altre fanno parte del presente e, almeno per alcuni, sono più difficili da accettare.
Mi riferisco al fatto che per acquisire la fiducia del cliente, oggi, va regalato qualcosa della propria esperienza.
Mi rendo conto che non a tutti viene spontaneo gestire questa dimensione ma, spesso, è proprio quella a fare la differenza.

Oggi la strategia cosiddetta “freemium” è molto utilizzata e, direi, con successo conclamato.
Un esempio per tutti Google.
Quante applicazioni, e strumenti, questa redditizia Multinazionale offre gratuitamente per essere scelta come il provider preferito di innumerevoli investimenti pubblicitari?
Quante società offrono alcuni servizi gratis pur di spingere le vendite del proprio core business?
Offrendosi con questo approccio, la PMI può incominciare a farsi un’idea del nostro reale valore senza esporsi, senza neppure farsi riconoscere; quindi in piena libertà.
Così facendo l’imprenditore si costruirà, senza condizionamenti esterni, un’immagine impatica di quanto possiamo “fare per lui” prima ancora di conoscerci di persona.

Come faccio a costruire ed a gestire una strategia corretta?
Ci sono diverse modalità.
In generale è necessario produrre contenuti e renderli disponibili nelle sedi e modalità giuste.
Fino a ieri era necessario presenziare a convegni, scrivere su importanti testate, rilasciare interviste, etc, etc,

Oggi è possibile sviluppare il proprio “Personal Branding” anche se non si è un VIP.
Internet ci mette a disposizione innumerevoli strumenti e modalità per raggiungere, con la nostra competenza ed esperienza, il target desiderato.
Inoltre ci permette di misurare oggettivamente il progredire del riscontro della nostre iniziative.
Per es. è possibile conoscere il traffico al proprio sito, oppure quello relativo ai singoli contenuti presenti nello stesso, oppure  alla tua area dedicata nei Social Network in cui ti sei iscritto.
A questo si aggiunga che chiunque sul web, se messo in condizione da noi, può commentare, criticare e aiutarci a correggere i nostri contenuti.

Ricorda questa regola del web: “Se ricevi una richiesta di informazioni significa che almeno 150 utenti hanno visto il tuo profilo”.
Se hai una conversione migliore allora stai overperformando, quindi i tuoi contenuti e il tuo approccio incomincia a diversificarsi dagli altri.
Altra Regola, che vale per i commenti che potresti ricevere su un tuo Blog oppure a seguito di un tuo commento su un qualsiasi Forum o Social Network: ”per ogni utente che scrive un commento altri 1.000 leggono”.
Cosa aspetti ad affrontare questa nuova sfida fondamentale per il tuo futuro?
Progetto Innesto ti supporta nello sviluppo di questo asset.

Seguici su Linkedin

Seguici su Facebook