Molte idee e poca prospettiva

Anche in questa occasione abbiamo bisogno di imparare “in corsa”.
Più precisamente, per capire dovremo adattarci alla situazione piuttosto che

.

bloccare o rallentare le attività per analizzarle.
Questo ci impone di studiare le operazioni mentre esse si svolgono, generando il minor disturbo possibile nei confronti del sistema e massimizzando la nostra ricettività.
I messaggi di tipo “hard”, quelli oggettivi e palesi, sono importanti ma ancor più importanti sono quelli “soft”.
Come abbiamo avuto modo di approfondire nei cap. 9 e 5, l’elevata personalizzazione del lavoro determina un modo di agire più influenzato dalle abitudini, dagli usi, e dai propri punti di /forza/debolezza piuttosto che da una visione strategica.

In più il ridotto monitoraggio, se non completamente assente, perché considerato una perdita di tempo, non ci aiuterà a comprendere i risultati di ciascuna azione.
Una situazione di questo genere stimola maggiormente il Personale a provare più strade per ottenere lo stesso risultato, piuttosto che fermarsi a riflettere per generare un’unica operazione dotata di una strategia articolata.
Quando osserveremo da vicino la catena del valore di ciascuna  attività ci accorgeremo di questi vizi e potremo supportare l’azienda a mettervi rimedio.

Quando dimostrerete, in modo inconfutabile,  che tale tattica genera un’oggettiva perdita di tempo, e che le sovrapposizioni e i ridondi equivalgono al 5-10-15% del costo del Personale allora catturerete l’attenzione del piccolo imprenditore.
Uno degli aspetti che rischia di duplicare le attività in azienda è il basso contenuto tecnologico dei gestionali aziendali.

Una gestione dell’informazione non al passo con la tecnologia è un costo che si può concretizzare sotto diverse forme:
- bassa produttività del personale: quando l’uso della”carta” è eccesivo oppure si supplisce all’assenza del gestionale aziendale utilizzando fogli di calcolo o di scrittura elettronici.
- elevata incidenza di errore:  quando non tutte le informazioni fondamentali sono disponibili nel giusto momento si rischia di dover fare il lavoro due volte, oppure di gestire un reclamo a consuntivo.
- alti costi di produzione: si pensa, alcune volte, che evitando un investimento si guadagna di più. Magari questo accade, per un anno, ma il guadagno viene eroso nel tempo dall’incremento del costo di ogni operazione; in più il differenziale competitivo aumenterà a sfavore ed il prossimo anno la PMI dovrà fare investimenti più importanti e più rischiosi se vorrà stare ala passo con il proprio mercato di riferimento.
- bassa trasparenza del sistema di gestione: senza tecnologia è difficile disporre di una chiara, aggiornata,  e condivisa visione di cosa succede e perché.
Se, invece, tutto il Personale avrà la nostra stessa percezione, relativamente all’andamento delle attività, sarà notevolmente facilitato nel perseguire i risultati aziendali.
Diversamente i dubbi, le zone d’ombra, la diffidenza rischieranno di assorbire molto tempo in contradditori, faide interne, etc., etc.

La capacità di rendere oggettiva l’informazione, il dato, il trend, etc. è la sfida che vi attende.
Se supererete anche le diffidenze e le protezioni a difese dei vari “orticelli” il lavoro diventerà sicuramente più facile.

Seguici su Linkedin

Seguici su Facebook