Difficoltà di misurare i risultati della crescita e del cambiamento personale

Questa fase del rilancio professionale può iniziare subito dopo la fase di auto-centratura.
Più sarà chiara la percezione che avremo di noi stessi più sarà semplice, e chiaro, il sistema di “navigazione” verso le nuove esperienze professionali.

Suggeriamo di dividere le variabili  in:
- oggettivi
- soggettivi

.



Questi possono essere ulteriormente distinti in:
- variabili di primario impatto sui fattori critici di successo
- variabili d’impatto indiretto sui fattori critici di successo.

Per essere più pratici, cerchiamo di realizzare un paio di esempi con l’approccio che, a nostro avviso, potrebbe agevolarne la gestione.

Parametro oggettivo.
Fanno parte di questa famiglia tutti i parametri che hanno una connotazione numerica, misurabile sia in previsione che in monitoraggio.
Per es. il punto di pareggio finanziario della propria famiglia è, fra questi, quello che più concorre a generare preoccupazione in una situazione di non attività professionale.
Qui sono raggruppate voci di costo fisiologiche, per es. il mutuo, la spesa alimentare, la bolletta della luce, etc.
Queste vanno, con coraggio, separate da quelle non fisiologiche che, invece, si possono e si devono ridurre drasticamente se non eliminate.
Più agirete con coraggio su queste più l’ansia diminuirà e più “eco-logico” sarà il vostro nuovo approccio al lavoro, verso voi stessi e verso la società di cui fate parte.
Sembra banale ma, spesso, finché non ci scontriamo con il problema di una potenziale disoccupazione non facciamo un bilancio preciso e dettagliato di ciò che è vitale e ciò che è superfluo.
Quando siamo costretti a farlo è , quindi, poco piacevole ma, spesso, illuminante.

Altri parametri oggettivi sono: il numero di clienti da acquisire, il margine di guadagno, etc, etc,

Parametro soggettivo
Fanno parte di questa categoria, per es.: le aree di motivazione personale che vorremo sviluppare mentre ci dirigeremo verso un determinato sviluppo professionale.
Per alcuni potrebbero essere rappresentate dallo stare vicino alla famiglia, per altri quella di viaggiare, per altri ancora quella di sentirsi al centro dell’operatività, o trasformare un hobby in un lavoro, e via di seguito.
Cerchiamo di creare una priorità, per es. le prime 5, le seconde 5 etc. mettiamole al centro del nostro cruscotto ed incominciamo a comportarci con integrità e coerenza con esse.
Se siamo realmente centrati con esse la fatica ci sembrerà minore, le probabilità di aumenteranno e gli eventi, attorno a noi, ci daranno tangibili segnali di incoraggiamento.

Variabili di primo impatto sui fattori critici di successo
Si tratta di selezionare, e focalizzare, quelle 4-5 variabili imprescindibili che determinano la riuscita dell’impresa.
Per es.: può essere rappresentato dall’entrare in contatto con un ben definito numero di Amministratori Delegati, o Direttori Acquisto.
Oppure la registrazione di un brevetto, o l’acquisizione di un socio, o l’attivazione di una collaborazione con un determinato esperto in qualche disciplina, L’acquisizione di un certo macchinario ad un certo prezzo, etc.
Alcune di esse dipenderanno dalla nostra azione altre da fattori esterni a Noi.

Variabili d’impatto secondario sui fattori critici di successo
Queste sono le variabili che influiscono sull’andamento delle prime.
Per es.: quante visite presso CIO devo fare per prima di riuscire a fare un’offerta ad uno di essi? Oppure quanti operatori di un certo settore devo contattare per intercettare una buona candidatura come socio o collaboratore?
Anche qui cerchiamo di non superare i 5-10 variabili altrimenti complicheremo troppo il sistema.

A questo punto disponiamo di molti elementi che, se messi nero su bianco e dopo aver realizzato una sufficiente opera di auto-centratura, ci permetteranno di iniziare un’attività equilibrata, integra, coerente e più motivante possibile.
In sintesi, si tratta di costruire una Balance Score Card personale, contenente linee guida strategiche quantitative e qualitative.
Importante il momento di follw-up periodico che farete sugli obiettivi raggiunti.
Progetto Innesto vuole fornire un fattivo contributo in questa direzione fornendo ai propri utenti tutto ciò in suo possesso per un approccio ottimale a questa pratica.

Seguici su Linkedin

Seguici su Facebook